Smart Transmission Solutions

Una delle principali esigenze di Terna è rendere la rete di trasmissione dinamica, cioè in grado di evolvere rapidamente e in maniera efficace rispetto a scenari che mutano repentinamente e imprevedibili ex-ante.

Nel Piano di Sviluppo, Terna ha pianificato interventi in grado di garantire, nelle diverse condizioni di esercizio, le esigenze di sicurezza, affidabilità ed efficienza del sistema elettrico massimizzando l’utilizzo tempestivo e flessibile delle infrastrutture esistenti e favorendo in tal modo l’integrazione della crescente produzione da fonte rinnovabile anche non direttamente connessa alla RTN.

Tra questi si segnalano:

  • l’installazione di apparecchiature elettriche (PST - Phase Shifting Transformers) per il controllo dei flussi di potenza sulla rete Alta e Altissima tensione;
  • l’installazione di compensatori sincroni per il miglioramento della stabilità e della sicurezza di esercizio del sistema;
  • l’installazione di reattori e condensatori per la corretta gestione dei flussi di potenza reattiva sulla rete e la conseguente riduzione oneri per il Mercato di Dispacciamento;
  • l’utilizzo di conduttori ad alta capacità per massimizzare la capacità di trasportodelle linee esistenti anche in funzione della temperatura (Dynamic Thermal Rating -DTR). La sperimentazione consentirà di definire tipologie e standard di applicazione del metodo ai fini di una progressiva implementazione e diffusione su direttrici critiche per elevata produzione eolica a partire dall’area Sud e Sicilia.
  • la sperimentazione di sistemi di accumulo diffuso per massimizzare lo sfruttamento delle risorse da fonti rinnovabili e migliorare la regolazione del sistema Alta e Altissima tensione;
  • le iniziative basate su logiche smart finalizzate a migliorare la previsione e il controllo della generazione distribuita.

Tali soluzioni sono caratterizzate in generale da un ridotto impatto ambientale (in quanto permettono di massimizzare l’utilizzo di asset esistenti) e da tempi e costi di implementazione tipicamente inferiori a quelli necessari per la realizzazione di nuove infrastrutture di rete (linee e stazioni in alta tensione).

Sempre nell’ambito delle soluzioni innovative, sono previste le iniziative riportate di seguito.

  • Partecipazione al progetto GREEN-ME (Grid integration of REnewable Energy sources in the North - MEditerranean): il progetto è stato presentato alla Commissione Europea, nell’ambito del Connecting Europe Facility, dai TSO e DSO (Distribution System Operator) di Italia e Francia ed è relativo allo sviluppo di sistemi funzionali all’integrazione della generazione distribuita in un’area che si estende tra il Sud della Francia e le Regioni del Nord Italia. Il progetto è condizionato all’eventuale finanziamento delle attività previsto dalla Commissione Europea
  • Miglioramento dell’identificazione e controllo della rete con sistemi digitali: sfruttando le potenzialità delle apparecchiature digitali per fornire direttamente misure per l’analisi e il monitoraggio della qualità del servizio.
  • Monitoring reti: il crescente impatto delle fonti rinnovabili anche sulle reti di distribuzione comporta la necessità di disporre di un insieme di dati e di modelli per una visione di maggior dettaglio del carico/generazione sui sistemi di distribuzione che operano con la rete di trasmissione.