Rapporto Integrato: Visione d’insieme

Terna è una società che opera principalmente (circa il 95% dei ricavi) nel sistema elettrico italiano. Nella filiera di settore - produzione, trasmissione, distribuzione e vendita di energia elettrica – Terna gestisce il segmento della trasmissione, con il ruolo di TSO (Transmission system operator) italiano. È il più grande operatore di rete indipendente per la trasmissione di energia elettrica d’Europa e il sesto al mondo per chilometri di linee gestite.

Terna garantisce il servizio di trasmissione, essenziale per il servizio elettrico alla collettività, attraverso la controllata Terna Rete Italia, che ha il compito di assicurare le attività di dispacciamento dell’energia elettrica (governo dei flussi sulla rete di trasmissione al fine di mantenere in ogni momento l’equilibrio tra produzione e consumo), di sviluppo e manutenzione delle infrastrutture elettriche di trasmissione e di garantire agli operatori uguali condizioni di accesso alla rete di trasmissione. Queste attività sono svolte in regime di monopolio legale in base a una concessione governativa, e sono soggette a regolamentazione da parte dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) e agli indirizzi del Ministero dello Sviluppo Economico. In particolare, sono sottoposti ad autorizzazione ministeriale i piani di investimento che Terna elabora in risposta alle esigenze di efficienza e sicurezza del servizio elettrico.

Le attività di trasmissione in Italia sono integrate dalla ricerca di altre opportunità di business in Italia e all’estero. In prospettiva, come previsto dal Piano Strategico 2013 – 2017, questa seconda componente del business – il cui sviluppo è affidato alla controllata Terna Plus - è destinata a crescere di rilevanza nella creazione di valore, pur rimanendo complementare alle attività di TSO italiano.

E’ su questo doppio binario strategico che Terna continuerà a perseguire efficienza, sicurezza e minor costo del sistema elettrico a beneficio di imprese e cittadini, e la creazione di valore per i nostri azionisti. La politica dei dividendi riflette le due componenti della creazione di valore.

Il controllo azionario è esercitato da Cassa Depositi e Prestiti (29,85% del capitale al 31-12-2012). La governance di Terna – fondata sul modello di controllo tradizionale e ispirata alle migliori pratiche - è orientata alla creazione di valore per gli azionisti, nella consapevolezza della rilevanza sociale delle attività in cui il Gruppo è impegnato.

Attività di transmission system operator

Gli obiettivi principali, posti in primo luogo dalla concessione, sono la sicurezza, la continuità, la qualità e l’economicità del servizio.

Dato il contesto regolatorio, le condizioni e le tariffe stabilite dall’AEEG per la remunerazione delle attività di Terna, le leve per coniugare questi obiettivi con la creazione di valore sono la crescita dell’efficienza operativa – inclusa la gestione del procurement - la realizzazione tempestiva degli investimenti e l’ottimizzazione della gestione finanziaria. Le buone performance in risposta a schemi di incentivazione specifici possono ulteriormente migliorare i risultati.

Pur garantendo un servizio essenziale per la collettività, Terna svolge un’attività business to business che non comporta relazioni commerciali dirette con gli utenti finali del servizio; le relazioni con gli operatori di settore sono strettamente regolate da un Codice di rete approvato dall’AEEG.

Più in generale, nella relazione con gli stakeholder emergono rischi e opportunità di contesto. Il rispetto dell’ambiente e la relazione con il territorio incidono sulla capacità di Terna di realizzare gli investimenti previsti dal Piano di sviluppo. Le politiche e le iniziative di sostenibilità riguardano soprattutto questi ambiti, così come la sicurezza dei lavoratori e lo sviluppo delle competenze  tecniche necessarie per mantenere nel tempo un elevato livello di eccellenza professionale.

L’attenzione agli stakeholder e l’orientamento a mantenere con loro un rapporto di fiducia contribuisce ad assicurare solidità al modello di business nel medio e lungo termine.

Il rispetto degli obblighi di concessione è una precondizione dell’attività di Terna. Per questo motivo, i rischi operativi nella gestione della rete – rischi di disservizio – sono da sempre gestiti con la massima attenzione e con l’impiego di metodologie e tecniche costantemente aggiornate. Nelle attività di trasmissione, la posizione di monopolio riduce i rischi legati al mercato: è il quadro regolatorio a determinare gli ambiti di rischi e opportunità. Gli altri rischi – es. rischio finanziario - sono identificati e continuamente monitorati e gestiti.  

Sviluppo di nuove attività

La creazione di valore attraverso le attività di TSO, pur rimanendo fondamentale nel modello di business del Gruppo, nel lungo termine trova un limite naturale nello stesso perimetro del monopolio italiano. La strategia di crescita del Gruppo prevede la ricerca di opportunità di business in ambiti non tradizionali, che offrano la possibilità di creare valore a complemento delle attività tradizionali e con condizioni di rischio compatibili con le stesse.

Gli ambiti di sviluppo tengono conto delle grandi tendenze del settore, come la crescita della produzione da fonti rinnovabili e l’integrazione delle reti europee, anche in relazione alla posizione geografica dell’Italia nel bacino del Mediterraneo – prossimità con i Balcani e con il Nord Africa.

Queste attività fanno leva sulle competenze acquisite nelle attività di trasmissione, il cui mantenimento e sviluppo sono pertanto rilevanti anche ai fini dello sviluppo di attività non tradizionali.