Prevedibile evoluzione della gestione

L’esercizio 2013 vedrà la Società impegnata nella realizzazione di quanto previsto nel Piano Strategico 2013-2017 approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 6 febbraio 2013.

In linea con la strategia adottata nel precedente Piano Strategico, il Gruppo ha finalizzato il processo di riorganizzazione aziendale che prevede una struttura societaria con maggior focus sulle attività non tradizionali oltre che sul consolidamento delle attività tradizionali.

Con riferimento alle attività tradizionali, e in particolare allo sviluppo e rinnovo della RTN, si prevedono investimenti in linea rispetto all’esercizio appena concluso; in particolare il Piano di Sviluppo prevede che la Società continui a sviluppare e realizzare le interconnessioni con l’estero (Montenegro e Francia), a ridurre le congestioni della rete (interventi Sorgente-Rizziconi e Dolo-Camin) e a proseguire lo sviluppo dei progetti dei sistemi di accumulo.

In termini di ricavi, si prevede un aumento della componente regolamentata riconducibile agli investimenti realizzati nel 2011 e agli impatti della rivalutazione del Capitale Investito Regolatorio (RAB).

In continuità con gli anni precedenti la Società perseguirà l’attività di razionalizzazione dei processi ed efficienza sui costi operativi, assicurando al contempo la massima qualità del servizio di trasmissione e di dispacciamento.

Con riferimento alla gestione finanziaria, le emissioni obbligazionarie effettuate nel corso del 2012 garantiranno le risorse disponibili all’attività d’impresa fino al 2015.