Pianificazione e sviluppo di sistemi di accumulo

in

Il Decreto Legislativo 3 marzo 2011, n. 28 (Attuazione della Direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili) dispone che tra gli interventi previsti da Terna nel Piano di Sviluppo della RTN possano essere inclusi i sistemi di accumulo dell’energia elettrica finalizzati a “favorire il dispacciamento degli impianti non programmabili”.

In data 2 ottobre 2012 il Ministero dello Sviluppo Economico ha approvato il Piano di Sviluppo della Rete elettrica di Trasmissione Nazionale (PdS) 2011 con indicazione di procedere con un programma di sperimentazione dei sistemi di accumulo di energia fino a 35 MW finalizzati a “favorire l’immissione e il ritiro di energia prodotta da impianti rinnovabili”. Contestualmente, ha anche approvato il Programma per l’adeguamento e il miglioramento dei sistemi di difesa per la sicurezza

del sistema elettrico (Piano di Difesa) 2012-2015 che, tra le altre cose, prevede la realizzazione di ulteriori 40 MW di sistemi di accumulo finalizzati a “rafforzare la gestione in sicurezza delle Isole Maggiori”.

Per quanto concerne gli interventi previsti dal PdS 2011, nel corso del 2012 sono stati identificati, lungo le direttrici critiche indicate nel Piano, i siti idonei ad accogliere i primi sistemi di accumulo ed è stata predisposta la documentazione necessaria ad avviare i relativi iter autorizzativi. Le relative Conferenze dei Servizi sono previste per il mese di febbraio 2013.

L’AEEG in data 19 ottobre 2012 ha pubblicato la Determina 08/12, indicando in dettaglio gli elementi necessari per la presentazione da parte di Terna delle istanze di ammissione allo schema di remunerazione I4 (schema previsto specificamente per gli investimenti in progetti pilota relativi a sistemi di accumulo) così come indicato nella Delibera 288/2012. Terna ha presentato tali istanze in data 3 dicembre 2012, secondo i termini indicati e l’AEEG ha approvato le istanze presentate da Terna con Deliberazione 66/2013 del 21 febbraio 2013.

Entro la fine del 2013 si prevede di ottenere i titoli autorizzativi necessari a costruire i primi sistemi di accumulo e di avviare i cantieri relativi.

Per quanto concerne gli interventi previsti dal Piano di Difesa, i sistemi di accumulo idonei a questo tipo di utilizzo (con prestazioni prevalentemente in potenza piuttosto che in energia) sono ad oggi nelle fasi preliminari di commercializzazione e pertanto, a fronte di una loro eventuale implementazione nel SEN, Terna ha previsto una fase iniziale di sperimentazione delle principali tecnologie presenti sul mercato.

Con questa premessa nel dicembre del 2012 è stata presentata all’AEEG una proposta per la sperimentazione di soluzioni su tecnologia Litio e Zebra, con l’oggetto di far fronte alle problematiche di cui al Piano di Difesa 2012, nonché per facilitare l’integrazione di questi innovativi sistemi con la gestione e il dispacciamento attuali del sistema elettrico. L’AEEG ha approvato la proposta con Deliberazione 43/2013 del 7 febbraio 2013.

Sono inoltre stati identificati i siti idonei alla realizzazione dei primi sistemi di accumulo, ed è in corso di predisposizione la documentazione tecnica richiesta ai fini autorizzativi.

Sono stati, infine, identificati diversi Enti e Istituti di Ricerca da coinvolgere nella sperimentazione per la valutazione del potenziale applicativo dei diversi sistemi oggetto di analisi.